Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Il dolce e l'amaro(Apocalisse 10)


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

L'angelo apparso a Giovanni lo ha giurato nel nome del Signore: non ci sarà più indugio (v. 6). Il mistero di Dio, il Suo piano disvelato nel corso dei secoli si compirà così com'è stato annunciato dai profeti. Giovanni viene letteralmente calato nel bel mezzo degli avvenimenti che si verificheranno nell'ultimo scorcio della storia dell'umanità. La fine non è più solamente vicina ma è arrivata con tutto il carico di sciagure che ad essa si accompagna.

In tutto questo contesto l'apostolo non è soltanto uno spettatore che da lontano scruta cose molto più grandi della sua capacità di comprensione, non è un osservatore estraneo ma è chiamato ad un compito ben preciso, c'è un ruolo anche per lui. Viene descritta, in linguaggio figurato, una realtà comune anche ai credenti del nostri giorni. Dio rivolge a noi un messaggio gioioso, un annuncio di liberazione, la proclamazione di una realtà che suona dolce alle nostre orecchie. Ma questa stessa rivelazione porta con sé un aspetto che alle volte vorremmo scansare perché ci pesa: "bisogna che tu profetizzi" (v.11). Bisogna trasmettere con una predicazione veemente tutto il piano della salvezza, non soltanto gli aspetti piacevoli, quelli che suscitano consenso e simpatia da parte degli interlocutori. Non è piacevole dover pronunciare cento parole di giudizio e condanna per preparare il cuore dell'uomo ad accettare una sola parola di redenzione. Alle volte il compito del credente può apparire ingrato: non possiamo

parlare di gioia senza accennare all'amaro argomento della morte eterna, non possiamo parlare di vite trasformate e riscattate senza menzionare le punizioni e la rovina finale che attende ogni uomo lontano da Dio. Si tratta di due componenti indissolubili, ma come abbiamo accettato dal Signore la pace, e la vita eterna, intendiamo far nostri gli aspetti più "scomodi" della Parola di Dio, quelli che ci spingono a puntare il dito contro una società ribelle e indifferente alla volontà di Dio.


Data: 20/11/2005
Visite: 3029
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (152).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
10531 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (112).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
15294 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (75).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
7711 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (131).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
7574 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2024 eVangelo. Tutti i diritti riservati