Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Il segreto dei risvegli

John G. Lake (1870-1935)


di Andrew Strom
Trascritto da eVangelo

GRANDI REVIVALISTI DI GUARIGIONE - COME VENNE LA POTENZA DI DIO: JOHN GRAHAM LAKE
di Andrew Strom

John G. Lake fu noto come l'«Apostolo di Dio per l'Africa». Nato in Canada nel 1870, la sua famiglia si trasferì presto negli Stati Uniti, dove egli crebbe. Il suo ministero di guarigione e predicazione abbracciò gli anni che andarono dal 1898 (quando vide sua moglie guarita all'istante sotto il ministero di John Alexander Dowie) alla sua morte avvenuta nel 1935. Nel 1908 Dio lo mandò in Africa, dove il suo unto ministero miracoloso portò a ciò che è stato descritto come «il più esteso e potente movimento missionario di tutta l'Africa». Come scrisse Gordon Lindsay: «Durante quel periodo, egli trascorse cinque anni che hanno fatto la storia in Sud Africa, impegnato in un ministero che per certi aspetti competé con quello della Chiesa Primitiva». Al suo ritorno in America, John Lake stabilì un ministero a Spokane, Washington, che portò a non meno di 100.000 miracoli sbalorditivi di guarigione nel giro di cinque o sei anni. In seguito stabilì un'opera simile a Portland, Oregon, che attirò anch'essa l'attenzione mondiale.

Come Smith Wigglesworth, John G. Lake aveva già sperimentato grandi conquiste, potenti unzioni e una vera chiamata di Dio già molti anni prima di Azusa Steet e del Risveglio Pentecostale. Ciò che segue è un resoconto concentrato della fame spirituale e della preparazione attraverso cui Lake fu fatto passare da Dio, vicino all'inizio del periodo più unto del suo ministero. (Tratto dal libro «John G. Lake - Apostle to Africa» compilato da Gordon Lindsay e narrato con le stesse parole di Lake):

«Otto anni erano trascorsi da quando Dio mi aveva rivelato Gesù il Guaritore. Avevo esercitato il ministero di guarigione. Durante quegli otto anni, ogni risposta alla preghiera, ogni tocco miracoloso di Dio, ogni risposta della mia anima allo Spirito aveva creato in me un desiderio più intenso per un'intimità e una consapevolezza di Dio, quali credevo avessero posseduto i discepoli di Gesù e la chiesa primitiva... Poco tempo dopo il mio ingresso nel ministero di guarigione, mentre ero presente a un servizio in cui era stata presentata la necessità del Battesimo dello Spirito, non appena mi inginocchiai in preghiera e in riconsacrazione a Dio, un'unzione dello Spirito venne su me. Onde della Santa Gloria attraversarono il mio essere, ed io fui elevato in un nuovo regno della presenza e della potenza di Dio. Dopo questo, le risposte alla preghiera erano frequenti e avvenivano miracoli di guarigione di tanto in tanto. Mi sentii nella zona di confine di un regno spirituale, ma ero incapace di entrarci pienamente, così la mia natura non era soddisfatta del risultato raggiunto...» (Pag. 16)

«Centinaia e centinaia di persone vennero guarite dalla potenza di Dio durante quei dieci anni. Ma alla fine di quei dieci anni, credo fossi l'uomo più affamato di Dio mai vissuto. C'era una tale fame di Dio che quando lasciavo i miei uffici a Chicago e scendevo sulla strada, l'anima mia scoppiava ed io gridavo: "Oh, Dio!" Ci sono state persone che si sono fermate a guardarmi, meravigliandosi. Era la passione bramosa della mia anima che cercava Dio in una misura più grande di quanto già Lo conoscessi. Ma i miei amici dicevano: "Sig. Lake, hai un magnifico Battesimo dello Spirito Santo". Sì, era bello quello che stava succedendo, ma non era la risposta al grido del mio cuore. Stavo crescendo verso una più ampia comprensione di Dio e del bisogno della mia anima. L'anima mia domandava un più largo accesso a Dio, al Suo amore, alla Sua Presenza e alla Sua Potenza. Poi, un giorno, un anziano fece una passeggiata verso il mio ufficio, si sedette, e nella mezz'ora successiva rivelò all'anima mia più conoscenza di Dio di quanto io abbia mai conosciuto. Quando se ne andò, dissi: "...Dio, se questo è il risultato del Battesimo dello Spirito con le lingue, allora voglio possederlo". Oh, lo stupore di Dio che allora fu rivelato al mio cuore!...»

«Infine fui guidato a riservare alcune ore del giorno da dedicare a Dio come momenti di meditazione e di preghiera. Così trascorse un certo numero di mesi finché una mattina, mentre ero inginocchiato in preghiera, lo Spirito del Signore parlò al mio spirito e disse: "Pazienta fino all'autunno!" Il mio cuore si rallegrò di questo incoraggiamento, così continuai la mia pratica di meditazione e preghiera come già facevo. Divenne facile per me separarmi dal andamento ordinario della vita, sicché mentre le mie mani e la mia mente erano impegnate negli affari comuni di ogni giorno, il mio spirito manteneva la sua attitudine di comunione con Dio... Dissi: "Dio, se mi battezzerai nello Spirito Santo e mi darai la potenza di Dio, a nessuna cosa sarà permesso di stare davanti a me e ad una obbedienza centuplice"».

«Pregai per il Battesimo dello Spirito Santo per nove mesi, e se c'è stato un uomo che abbia mai pregato onestamente e sinceramente nella fede, quello ero io. Infine, un giorno, ero pronto ad alzare le mani e a smettere. Dissi: "Signore, potrà essere per altri, ma non per me. Non puoi proprio darlo a me". Non biasimavo Dio. Una notte un gentiluomo di nome Pierce mi disse: "Sig. Lake, ho desiderato per molto tempo che tu venissi a trovarmi affinché potessimo trascorrere insieme una notte in preghiera. Abbiamo pregato per il Battesimo per un anno intero, ma nessuno di noi è stato ancora battezzato. Fratello, non credo che tu lo sia stato, così possiamo pregare l'uno per l'altro". Avevo tanta fame di pregare che andai con tutte le intenzioni di pregare per gli altri, ma non avevo ancora pregato per cinque minuti che la luce di Dio iniziò a risplendere attorno a me, e mi trovai al centro di un arco di luce di dieci piedi di diametro, la luce più bianca di tutto l'universo. Così bianca! Oh, come parlava di purezza! Il ricordo di quel candore, di quel meraviglioso candore, è stato da allora in poi l'ideale, rimasto davanti alla mia anima, della purezza della natura di Dio».

«Poi una Voce iniziò a parlarmi da quella luce. Non c'era alcuna figura. E la Voce iniziò a ricordarmi questo e quell'episodio di disobbedienza ai miei genitori da bambino; la mia ostinatezza e dozzine di casi in cui Dio mi portò al punto di mettere completamente il mio corpo, la mia anima e il mio spirito per sempre sull'altare. Stavo tenendo il corpo sull'altare da dieci anni, ed ero stato un ministro dell'Evangelo. Ma quando il Signore viene, Egli rivela all'anima le profondità che non sono mai state toccate nella tua vita. Sai, dopo che fui stato battezzato nello Spirito Santo, si manifestarono cose della profondità della mia natura che erano rimaste non toccate in tutta la mia vita, e ciò che era ombroso, distante e nebbioso divenne reale. Dio divenne intimo e fece risplendere la Sua luce in me».

«Poco dopo questa esperienza, un pomeriggio un fratello ministro mi chiamò e mi invitò ad accompagnarlo per visitare una donna ammalata. Arrivati a casa trovammo la donna su una sedia a rotelle. Tutte le sue articolazioni erano colpite da reumatismo infiammatorio. Si trovava in quelle condizioni da dieci anni... Mentre il mio amico conversava con lei, preparandola per la preghiera affinché potesse essere guarita, io sedevo su una sedia profonda dall'altra parte della grande stanza. L'anima mia gridava a Dio con un desiderio ardente troppo profondo da poterlo raccontare, quando improvvisamente mi sembrò di essere passato sotto una doccia di pioggia calda tropicale, che non cadeva su di me, ma attraverso di me. Il mio spirito, la mia anima e il mio corpo si calmarono in una calma tanto profonda, quale io non avevo mai conosciuta. Il mio cervello, che era stato sempre così attivo, divenne perfettamente tranquillo. Un timore reverenziale della presenza di Dio si posò su me. Sapevo che era Dio».

«Trascorsero alcuni momenti; non so quanti. Lo Spirito mi disse: "Ho ascoltato le tue preghiere, ho visto le tue lacrime. Adesso sei Battezzato nello Spirito Santo". Poi correnti di potenza cominciarono a scorrere attraverso il mio corpo, e attraverso i miei piedi fino al pavimento... Persino in quest'ultimo periodo, il timore reverenziale di quell'ora riposa sulla mia anima. La mia esperienza è stata davvero come disse Gesù, cioè che Egli sarà in voi "una fonte d'acqua che scaturisce in vita eterna". Quella fonte inesauribile è fluita attraverso il mio spirito, la mia anima e il mio corpo, giorno e notte, portando salvezza e guarigione, e il Battesimo dello Spirito nella potenza di Dio a moltitudini».

«Poco dopo il mio Battesimo nello Spirito Santo, cominciò in me un'opera dello Spirito che sembrò avere come scopo la rivelazione della natura di Gesù Cristo per me e in me. Attraverso questo insegnamento privato e questo rimodellamento da parte dello Spirito, si doveva risvegliare nella mia anima una grande sensibilità per l'umanità. Vedevo gli uomini attraverso nuovi occhi. Mi sembravano pecore erranti che erano state disperse lontano, nel mezzo della confusione, brancolanti e vaganti qua e là. Erano senza uno scopo definito e non sembravano capire quale fosse la difficoltà o come ritornare a Dio. Il desiderio di proclamare il messaggio di Cristo e di dimostrare la Sua potenza per salvare e benedire crebbe nella mia anima finché la mia vita venne smossa da questa passione travolgente». (Pag. 16-20)

«Scoprii che la mia vita iniziò a manifestarsi nella svariata gamma dei doni dello Spirito. Parlai in lingue per la potenza di Dio, e Dio fluì attraverso di me con una nuova forza. Le guarigioni erano di un ordine più potente. Oh, Dio viveva in me; Dio Si manifestava in me; Dio parlava attraverso di me. Il mio spirito era ravvivato. Avevo una nuova comprensione della volontà di Dio, un nuovo discernimento di spirito, e una nuova rivelazione di Dio in me».

«Poi si manifestò un nuovo miracolo. La mia natura si sensibilizzò al punto tale che potevo imporre le mani su qualunque uomo o donna e dire qual era l'organo malato, e a quale estensione, e tutto ciò che lo riguardasse. Lo esaminavo. Andavo negli ospedali dove i dottori non erano in grado di diagnosticare un certo caso, toccavo il paziente e istantaneamente riconoscevo l'organo malato, la sua estensione, le sue condizioni e la sua posizione. Ma un giorno tutto questo cessò. Un bambino gioca con un giocattolo, e il suo giocattolo è così meraviglioso che talvolta egli si dimentica di mangiare».

Prima di obbedire alla chiamata a un ministero a tempo pieno, Lake sentì il bisogno di cedere i suoi ben riusciti interessi di lavoro. Vendette ogni cosa, dando il denaro per l'opera di Dio, e si imbarcò in un ministero a tempo pieno con un cuore pieno del fuoco di Dio. Subito dopo, mentre ministrava in una città dell'Illinois settentrionale, Dio gli parlò in modo chiaro e distinto: «Vai a Indianapolis. Preparati per una campagna invernale. Procurati una grande sala. In estate andrai in Africa».

John G. Lake continua così: «Una mattina, quando scesi a fare colazione, scoprii di non avere più appetito. Non riuscivo a mangiare. Andai al lavoro come al solito. A pranzo non avevo voglia di mangiare, e nemmeno la sera. Tutto questo continuò così fino al terzo giorno. Ma verso la sera del terzo giorno, si impossessò di me un travolgente desiderio di pregare. Volevo soltanto stare da solo per pregare. La preghiera fluiva attraverso la mia anima come un ruscello. Non riuscivo a smettere di pregare. Appena era possibile avere un luogo appartato, mi inginocchiavo per spandere il mio cuore davanti a Dio per ore. Qualunque cosa facessi, quel ruscello di preghiera continuava a fluire dalla mia anima... La notte del sesto giorno di questo digiuno che il Signore aveva posto su di me, all'atto di lavarmi le mani, lo Spirito mi disse: "Da quanto tempo stai pregando per scacciare i demoni?" ed io risposi: "Signore, da molto tempo". E lo Spirito disse: "D'ora innanzi scaccerai i demoni". Mi alzai e lodai Dio» (Pag. 21). Un'opportunità per verificare questa nuova unzione donata per scacciare i demoni si presentò la domenica successiva, quando fu portato un uomo violentemente malato di mente a Lake, il quale comandò al demonio di uscire fuori da lui nel nome di Gesù. L'uomo fu liberato all'istante e due giorni dopo fu dimesso dall'istituto in cui era stato relegato.

Nell'aprile del 1908, Lake e la sua famiglia partirono per il Sud Africa. Sebbene non avessero mezzi visibili di sostentamento, venivano miracolosamente provvisti a ogni passo del loro cammino. E così ebbe inizio un tremendo Risveglio, con potenti guarigioni, miracoli e liberazioni, che avrebbero influenzato profondamente il continente africano negli anni a venire, perfino molto tempo dopo che Lake scomparve. Nel 1913 in seguito alla tragica morte di sua moglie, Lake ritornò in America, ma a quel tempo la torcia anche stata passata a Elias Letwaba e ad altri in Africa, e lì l'opera continuò con grande potenza. Lake continuò il suo ministero nel Nord America fino alla sua morte avvenuta nel 1935 e, come Smith Wigglesworth, combatté un eccellente combattimento e fece una grande corsa, proprio fino alla fine.

Libro su John G. Lake in italiano

  • John G. Lake - Il deserto fiorirà - La Buona Novella, 1999 - 136 pagine - € 3,87


Data: 12/05/2003
Visite: 26203
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

Smith Wigglesworth (1859-1947)
45.gif
24/02/2003
/public/Risvegli/Smith.Wigglesworth.jpg
Noto come l'Apostolo della Fede, fu uno dei più unti uomini di Dio in tempi recenti. Nati ciechi e sordi, zoppi, altri sull'uscio della morte con cancro, tutti venivano guariti dalla grande potenza di Dio. Perfino i morti venivano risuscitati.
Andrew Strom
eVangelo
41747 dal 24/02/2003
?operazione=visualizza&id=18&filtro=&ln=ita
W. V. Grant, Senior (1913-1983)
40.gif
23/02/2003
/public/Risvegli/W.V.Grant.gif
«Nient'altro mi importava. Volevo vedere la Sua Gloria. Volevo vedere i morti risuscitati, i demoni scacciati, i sordi, i ciechi e i muti sanati. Fu 14 anni dopo aver ricevuto lo Spirito Santo e le lingue che ricevetti lo Spirito Santo e la potenza».
Andrew Strom
eVangelo
21051 dal 23/02/2003
?operazione=visualizza&id=19&filtro=&ln=ita
Maria B. Woodworth-Etter (1844-1924)
35.gif
11/04/2003
/public/Risvegli/Maria.Woodworth-Etter.jpg
Veniva in una città e in pochi giorni si riunivano 20.000 persone. A volte Dio dava a quelli che lavoravano nei campi, in un raggio di 50 miglia attorno alle sue riunioni, visioni del cielo e dell'inferno e cadevano a terra sotto una tremenda convinzione.
Andrew Strom
eVangelo
31988 dal 11/04/2003
?operazione=visualizza&id=20&filtro=&ln=ita
W. V. Grant, Senior (1913-1983) (da The Voice of Healing)
00.gif
24/08/2009
/public/Risvegli/W-V-Grant.gif
«Dopo aver fatto sì che un predicatore si prendesse cura della mia chiesa, mi rinchiusi in una stanza e digiunai per il numero di giorni per cui Dio mi diresse... Nell’ultimo giorno del digiuno, la voce del Signore mi parlò chiaramente»
Walter Vinson Grant
eVangelo
9386 dal 24/08/2009
?operazione=visualizza&id=32&filtro=&ln=ita
© 2002-2018 eVangelo. Tutti i diritti riservati