Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Il fascino della bontà


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

"Allora anche questi gli risponderanno, dicendo: Signore, quando t'abbiam veduto aver fame, o sete, o esser forestiero, o ignudo, o infermo, o in prigione, e non t'abbiamo assistito?" (Matteo 25:44)

Non possiamo più servire il Signore come facevano i discepoli nei giorni della Sua incarnazione, quando Lo servivano con i loro mezzi. Ma Egli ha lasciato i Suoi rappresentanti, e qualunque cosa facciamo per loro Egli la considera come se fosse stata fatta a Sé stesso. Quindi noi siamo debitori verso tutti gli uomini; verso ogni membro della famiglia umana dobbiamo saldare una parte del debito infinito che abbiamo contratto nei riguardi del Figlio dell'Uomo (cfr. Rom. 1:14).

L'elemento discriminante nell'aldilà, non sarà costituito dal nostro credere, non ci verrà chiesto, cioè: "Quanto credesti?". Non riguarderà neppure la devozione: "Quanto pregasti?". Ma sarà di tipo pratico: "Che cosa facesti?". L'apostolo Giacomo spiega che la fede viene dimostrata dalle nostre opere (cfr. Giac. 2:14-20). Non basta dire: "Signore, Signore!". Dobbiamo mostrare lo stesso spirito del Maestro nell'amore verso i nostri simili, altrimenti saremo respinti nell'ultimo giorno.

I fratelli del Signore sono numerosi e sparsi in tutto il mondo. Ogni volta che incontriamo un affamato o un assetato, uno straniero e un senza tetto, un malato o un carcerato, incontriamo qualcuno che Egli chiama "fratello", "sorella". Aiutare uno di questi significa far fremere di gioia l'anima del nostro Redentore. Dobbiamo avere gli occhi dell'amore, pronti a discernere le svariate vesti che il nostro Signore può indossare. Si sostiene che quando Francesco d'Assisi stava cavalcando su un pianura, vide un lebbroso sul ciglio della strada, che chiedeva l'elemosina. Sceso cavallo, non soltanto gli diede del denaro, ma lo baciò sulla guancia. Mentre sta andandosene, riguardò quell'uomo e vide Cristo al posto del mendicante, e così re lizzò che gli era stato concesso di baciare il Signore stesso.

Osserva che i santi generalmente non comprendono di aver fatto qualcosa direttamente per Cristo: "Signore, quando ti abbiam veduto?". Il fascino de bontà risiede nella modestia e nella riservatezza, come quello dell'infanzia ricercato nella sua incoscienza. Osserva, inoltre, che agli occhi di Cristo, rappre senti un crimine non praticarla. Mosè ricorda che è sbagliato fare il male; annuncia che lo è non fare il bene. Molti saranno respinti, proprio come un uomo getta via delle erbacce, non per aver violato i Dieci Comandamenti, ma per n aver adempiuto la Legge dell'amore.

Consacriamo noi stessi al servizio di uomini, donne e bambini per la causa Colui che ci amò e diede Sé stesso per noi.


Data: 02/09/2007
Visite: 1986
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (188).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
7689 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (149).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
10776 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (111).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
5196 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (168).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5000 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2019 eVangelo. Tutti i diritti riservati