Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Come comportarsi (1 Timoteo 3:8-16)


di A.N.
Trascritto da eVangelo

Paolo dice che questo è scritto per insegnarci come dobbiamo comportarci nella casa di Dio, cioè la chiesa di Gesù Cristo. Non in una struttura o palazzo ma fra il popolo di Dio, sia quando la chiesa è riunita, sia quando ogni membro d'essa vive individualmente nel mondo.

Il popolo di Dio deve comportarsi rettamente dovunque. Questo comportamento è per tutti i fedeli nella comunità Cristiana ed in particolare per i responsabili, perché dice: «se uno», qualsiasi desidera un ufficio di responsabilità non deve venire meno in questo. Colui che aspira all'ufficio deve cominciare da questa base. Così questo modo di vivere, e comportarsi dovrebbe già manifestarsi nella sua vita. Quando questo è evidente, allora sarà pronto per servire la casa di Dio. I responsabili devono essere di esempio acciocché a loro volta possano elevare gli altri fedeli a una vita degna della vocazione a cui sono chiamati e per rendere gloria a Dio. Non si deve dire che questo è per i pastori, anziani, diaconi, o diaconesse, ma per tutti.

La chiesa primitiva aveva delle regole di condotta morali e spirituali molto elevate. Chi aveva un ruolo nella comunità doveva comportarsi rettamente all'altezza della chiamata a Dio. Notiamo alcuni punti importanti: deve essere irreprensibile, avere una sola moglie o un solo marito, governare bene la propria famiglia, che non deve essere novizio, ma deve avere qualità spirituali e sociali, deve essere capace di insegnare agli altri la Parola di Dio e non attaccato alle frivolezze del mondo. Sembra che questo valga anche per le donne o diaconesse (v. 11).

I responsabili erano riconosciuti idonei secondo la misura del dono di Cristo. Possiamo stabilire oggi una altro criterio? Così, sia fedeli o responsabili, con il nostro comportamento pio, vissuto ogni giorno e dovunque faremo parte di' quella vera chiesa di Cristo che sostiene alta la veridicità di Dio. Soltanto così daremo credibilità alla chiesa perché è una nota per la sua santità, e coerenza, e fedeltà a tutto l'insegnamento dell'Evangelo.


Data: 10/12/2002
Visite: 3172
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (43).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8427 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (4).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
12333 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (178).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
5822 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (23).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5670 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2020 eVangelo. Tutti i diritti riservati