Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Dammi da bere (Giovanni 4:1-15)


di RED
Trascritto da eVangelo

Il quarto capitolo dell'evangelo secondo Giovanni continua

a trattare dell'insegnamento di Gesù sulla potente opera vivificante dello Spirito Santo. Gesù non usò con la Samaritana, lo

stesso metodo utilizzato con Nicodemo per esporle le verità concernenti la

nuova nascita. Eppure il problema di quella donna incontrata da Cristo al pozzo

di Giacobbe non era diverso da quello di Nicodemo: tutti e

due avevano bisogno di una radicale trasformazione spirituale che

conferisse loro una nuova vita. Gesù non si rivolse alla donna ripetendo quella

frase che in altra occasione aveva usata con Nicodemo

per porre fine ad ogni preambolo: «Bisogna che tu nasca di nuovo»; anzi egli

stesso sembra temporeggiare, girare intorno all'argomento come non avendo alcuna intenzione di trattarlo in presenza di Samaritani. La

sua prima espressione non è per rivelare realtà: « DAMMI DA BERE». Stabilito il

contatto con la sconosciuta trattando di argomenti a

lei vicini, Gesù può iniziare l'opera Sua per indurla a riconoscere il proprio

stato ed il proprio bisogno di rinnovamento interiore. Per produrre tutto

questo doveva riuscire ad abbattere barriere non indifferenti: quelle della

nazionalità, quelle del pregiudizio, quelle dell'ignoranza. Un compito

veramente difficile, ma che Cristo riuscì a portare a termine non cercando mai

di presentare alla Samaritana il quadro della propria vita corrotta ma,

piuttosto facendo appello alla sua simpatia, svegliando la sua curiosità e

dandole un senso di importanza che la dispose positivamente

nei confronti del suo interlocutore. Quale meraviglioso esempio per tutti coloro che desiderano conquistare delle anime a Cristo! Il

tatto e l'amore di Gesù furono potenti ad aprire un varco nel cuore di quella

donna permettendole di comprendere a ricevere la verità. Gesù non tratta tutti

allo stesso modo secondo un'immutabile e rigorosa procedura che osserva come

costui o costei può comprendere. È lui che si abbassa

e che cerca di farsi comprendere dalla creatura umana. Ed

ora una domanda! Manifestiamo la stessa delicatezza lo stesso tatto, lo stesso

tenero interesse di Cristo quando evangelizziamo?


Data: 18/01/2000
Visite: 5188
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (15).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8427 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (187).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
12333 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (150).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
5822 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (206).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5670 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2020 eVangelo. Tutti i diritti riservati