Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Torna da tuo padre, al tuo parentado, ai tuo paese ed io sarò teco (Genesi 31:1-25)


di G.M.
Trascritto da eVangelo

Quest'ordine dell'Eterno poneva fine ad un periodo duro e travagliato della vita di Giacobbe, che d'altronde non sarebbe stata mai troppo tranquilla. Ma quei vent'anni trascorsi in Mesopotamia erano stati una specie di cattività, la conseguenza giusta ed inevitabile della sua condotta non proprio limpida. Egli amava Dio, desiderava realizzare nella sua vita la presenza, la benedizione, la promessa dell'Eterno, come suo padre e suo nonno, ma, non era il primogenito e questo fatto sembrava soffocare le speranze della sua vocazione, oltre a ciò l'indifferenza di Esaù verso l'Eterno aumentava il suo disappunto.

E con l'inganno si procurò la primogenitura, dovendo però subire l'esilio, la lontananza dalla sua terra natia.

L'esperienza di Giacobbe insegna a noi credenti che per raggiungere i traguardi della vita cristiana, i doni che Gesù ha promesso per questa vita terrena, ed il traguardo della finale perseveranza, dobbiamo essere leali ed integri con Dio e con gli uomini. Nel cammino della fede, non ci sono scorciatoie, dobbiamo ubbidire a Dio in tutta la Sua volontà, dobbiamo osservare tutte le cose che ci ha insegnato.

A volte facciamo una distinzione fra comandamenti primari secondari, pensiamo che alcuni vanno assolutamente ubbiditi, altri non necessariamente, altre volte, come Giacobbe, vogliamo aiutare Dio a far presto, e agiamo con azioni di dubbia giustizia e bontà ma, Dio non si fa beffare neanche da noi. Egli ha comandato che le Sue leggi e le Sue prescrizioni siano strettamente osservate e la via più breve è sempre quella di tutta la Sua volontà. Una piccola disubbidienza, un piccolo peccato, una zona trascurata della vita cristiana, ci fanno perdere del tempo prezioso ed attireranno su noi la disciplina di Colui che corregge i Suoi figliuoli che ama.

Quello che ci meraviglia e ci incoraggia è il fatto che Dio fu sempre con Giacobbe e lo benedisse malgrado i suoi errori. Confidiamo dunque nella misericordia di Dio. Non sempre la presenza del Signore nella nostra vita significa che Egli approva tutto quello che facciamo, ma rimane vicino a noi perché ci ama e pazientemente aspetta che cresciamo.


Data: 16/04/2000
Visite: 3777
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (153).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
9619 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (113).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
14316 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (76).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
6828 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (119).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
6722 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2022 eVangelo. Tutti i diritti riservati