Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Rachele vedendo … (Genesi 30:1-21)


di RED
Trascritto da eVangelo

Una felice relazione coniugale messa in pericolo dalla violenza di sentimenti scomposti: invidia, disperazione, ira; tutto questo perché in una competizione umana si accendono rivalità capaci d'infrangere anche i legami della consanguineità. Questa scena che qualcuno vede patetica, ma che è più giusto definire fosca, ci ripropone la tragedia sempre presente nella società, nella famiglia, nella chiesa, delle contese mosse dall'invidia. L'invidia non è tanto sofferenza per quello che non si ha, quanto risentimento per quello che gli altri hanno; Rachele invidiava la fecondità di Lea ed esplose nella tanto violenta quanto insensata richiesta a suo marito, fino a provocare una reazione di collera e d'ira.

In quell'epoca e in quei luoghi una maternità generosa era considerata il segno più chiaro del valore di una moglie e quindi come la prova più evidente di un ministerio muliebre benedetto. Perciò possiamo comprendere la causa dell'invidia di quella Rachele che vedeva insidiata la sua posizione di «preferita» e menomata la sua condizione di moglie.

La nostra natura umana è sempre pronta ad insorgere quando le occasioni sembrano provocarla; nella società, in famiglia, nella chiesa, proprio così, ovunque si presentano cose e circostanze che possono suscitare l'invidia e con essa tutti quei fenomeni morali che producono la degenerazione dei rapporti umani. È più facile soffrire per il male altrui che gioire per il bene, ma se vogliamo perseverare sempre la nostra serenità e difendere le sane relazioni con i nostri congiunti o con i nostri fratelli in fede, dobbiamo imparare a rallegrarci della prosperità e delle benedizioni realizzate da coloro che ci circondano; non dobbiamo preoccuparci se la loro ricchezza, la loro esperienza o le loro conquiste oscurano la nostra personalità, anzi insieme a loro dobbiamo ringraziare Colui che è il dispensatore di buoni doni.

Quante sciocche contese, quante colpevoli divisioni, quante riprovevoli separazioni nello spirito, potrebbero essere sconfitte acquietando quel ribollire interiore che vogliamo chiamare giustizia, ma che dovremmo chiamare con il suo vero nome «invidia»: «Soffrite con coloro che soffrono, gioite con coloro che sono allegri».


Data: 12/04/2000
Visite: 3472
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (91).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8681 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (52).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
13154 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (14).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
6046 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (71).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5880 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2021 eVangelo. Tutti i diritti riservati