Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Il nuovo (Giovanni 13:31-38)


di RED
Trascritto da eVangelo

Con l'uscita di Giuda dal cenacolo, Gesù vede approssimarsi la propria glorificazione e vuole raccomandare i discepoli di praticare la più grande delle virtù: l'amore.

Questa virtù che esprime la persona di Dio e che era giunta fra gli uomini nella persona di Gesù, Egli la vuole trasmettere e far praticare ai Suoi discepoli ed a tutta la Sua chiesa. Perciò si rivolge ai Suoi per dire: «Io vi do un nuovo comandamento che vi amiate gli uni gli altri». (v.34).

Nella legge era scritto di amare il prossimo come se stessi; quindi a prima vista può sembrare che quello che dice Gesù non è nulla di nuovo. Ma considerando il valore della legge e la sua applicazione, scopriamo che nessuno era riuscito a soddisfare tale richiesta e Gesù venne proprio per adempierla.

Gesù poteva disporre di tutti gli eserciti celesti, di ogni autorità «in cielo e in terra» ma preferì la via dell'amore e della umiliazione, per conquistare gli uomini e così vincere la potenza del male. IL «nuovo» era perché Gesù stava amando i discepoli anche se tra poco questi l'avrebbero lasciato solo nella preghiera, nelle mani del Sinedrio e nell'agonia del Calvario. Proprio in questo, dirà l'apostolo Paolo «Iddio mostra la grandezza del suo amore per noi, in quanto che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi». Questo è vero amore disinteressato.

Gesù disse altrove: «Se amate solo quelli che vi amano, che premio ne avete? Non fanno i Pubblicani lo stesso? Amate i vostri nemici e pregate per quelli che vi perseguitano».

Questo è il «NUOVO» che i discepoli dovevano praticare. Quello che la legge dichiarava giusto verso i nemici, i discepoli dovevano superarlo e vincerlo con l'amore.

L'odio non doveva più esistere per i discepoli, ogni forma di violenza doveva cessare, perché in tutto dovevano somigliare al Maestro (v. 34) ed essere «figliuoli del Padre ... che è nei cieli», perché bisogna essere «perfetti come è perfetto il Padre ... celeste».

Questa virtù così importante rimane la prerogativa che deve distinguere i discepoli di Gesù (v. 35) in questo mondo pieno di odio e di violenza.


Data: 11/04/2000
Visite: 5670
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (146).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
7689 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (106).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
10776 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (69).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
5195 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (125).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5000 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2019 eVangelo. Tutti i diritti riservati