Informazioni Rubriche Risorse Community Servizi
  Primi passi
 
 
 
  Edificazione
 
 
 
 
 
 
 
 
  Area utenti
 
 
 
Userid
Password
Ricorda dati   
Le meditazioni di eVangelo

Lodare il Signore


di aa.vv.
Trascritto da eVangelo

"Lodate l'Eterno, perché è cosa buona salmeggiare al nostro Dio" (Salmo 147:1)

E' una cosa buona e bella per noi unire la lode alla preghiera. C'è una differenza tra la lode e il ringraziamento. Ringraziamo Dio per quello che Egli fa per noi; Lo lodiamo per ciò che Egli è. Nella nostra lode ci avviciniamo alla lode del Cielo, laddove gli angeli e i redenti considerano come atto più sublime quello di attribuire a Dio le lodi, l'onore e la gloria: "È cosa buona salmeggiare e la lode è convenevole".

Lodiamo Dio per il Suo amore condiscendente (vv. 1-6). Egli conta il numero delle stelle come un pastore conta le sue pecore. Il salmista paragona la costellazione ad un gregge di pecore, il cui pastore le guida attraverso lo spazio. Che concezione sublime dei soli, dei pianeti e degli asteroidi! Eppure questo Dio infinito e meraviglioso può chinarsi sulla nostra piccola vita e prestare delle attenzioni del tutto particolari verso gli abbattuti, nei riguardi di chi ha il cuore rotto, i malati e i mansueti. Nessuno è troppo piccolo e insignificante per la Sua attenzione. Proprio come una madre è più attenta e premurosa nei riguardi del suo bambino più piccolo e malaticcio, così l'aiuto più amorevole, più forte ed efficace viene manifestato verso i Suoi figli più bisognosi e disperati. Egli cerca sempre le pecore perdute e il figlio prodigo.

Lodiamo Dio per la Sua cura provvidenziale. Osserva come in questo Salmo venga usato il tempo presente. Il salmista percepiva chiaramente come Dio fosse sempre all'opera nella natura e come ogni cosa fosse dovuta all'azione diretta del Suo intervento. Era in grado di comprendere, come nessun altro, le parole di Gesù, allorché Egli assicurò che neppure un passero cade a terra senza che il Padre lo noti. I puri di cuore, quelli che assomigliano ai piccoli fanciulli e i mansueti hanno la prerogativa di vedere la mano di Dio in ogni cosa. Il Signore è ovunque attivo ed energico; e perciò non c'è un punto dello spazio e un momento nel tempo in cui Egli non sia all'opera. "Offriam del continuo a Dio un sacrificio di lode: cioè, il frutto di labbra confessanti il suo nome!" (Ebrei 13:15).


Data: 30/12/2007
Visite: 2676
    


Contatta l'autore Invia a un amico Versione PDF stampabile
  Commenti relativi al documento

  Nessun commento

   
Altri documenti d'interesse nella stessa sezione

FEDELTA' PREMIATA
50.gif
05/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (61).jpg
Numeri 26:41-65 Come era avvenuto per il primo censimento, i Leviti furono contati separatamente rispetto al rimanente del popolo. In ques ...
aa.vv.
eVangelo
8621 dal 05/05/2009
?operazione=visualizza&id=1131&filtro=
CON GESU' SULLA STRADA DELLA SOFFERENZA
50.gif
04/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (22).jpg
Marco 10:32-45 In questo brano suggestivo ci sembra quasi di vedere Gesù che sta camminando da Gerico in direzione di Gerusalemme. Sarebbe ...
aa.vv.
eVangelo
12894 dal 04/05/2009
?operazione=visualizza&id=1130&filtro=
IL CENSIMENTO
50.gif
03/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (196).jpg
Numeri 26:1-40 Il primo censimento ordinato da Dio aveva lo scopo di stimare il potenziale bellico di Israele e Mosè vi mise mano poco dopo ...
aa.vv.
eVangelo
5985 dal 03/05/2009
?operazione=visualizza&id=1129&filtro=
CINA QUESTIONE DI PRIORITA'
50.gif
02/05/2009
http://www.radioevangelo.org/images/icone/foto (41).jpg
Marco 10:17-31 Ecco un'altra persona oggetto dell'amore e delle attenzioni di Cristo. Il giovane ricco si accosta al Signore desideroso di ...
aa.vv.
eVangelo
5823 dal 02/05/2009
?operazione=visualizza&id=1128&filtro=
© 2002-2021 eVangelo. Tutti i diritti riservati